Il gatto Leo prepara i waffle

Il gatto Leo prepara i waffle

Una domenica, la famiglia di Leo il gatto ospitava degli amici per una visita. A Leo piaceva molto quando gli ospiti venivano a casa loro, perché giocavano e lo coccolavano sempre.

Leo era al centro dell’attenzione per tutto il tempo. Se era fortunato, qualcuno lo teneva in braccio e gli massaggiava le orecchie per ore.

Quel giorno, dalla cucina provenivano odori deliziosi. La famiglia stava preparando l’impasto per i waffle. Leo amava particolarmente il latte che veniva messo nella pastella. Poteva annusarlo da qualsiasi punto della casa.

Leo era molto bravo a osservare. Non gli sfuggiva nulla e oggi non era diverso. Si sedette sul pavimento di piastrelle della cucina e seguì da vicino la preparazione dei waffle.

Naturalmente, sperava sempre di ricevere qualche scarto. Forse qualcosa si sarebbe rovesciato sul pavimento e lui avrebbe potuto leccarlo? Ma questa volta no. Che peccato! 

Sognava di assaggiare il latte. Ma la famiglia di Leo gli dava sempre da mangiare a orari precisi. Temevano che potesse ingrassare troppo.

Quando i waffle dal profumo delizioso furono pronti, la mamma li cosparse di zucchero a velo e li servì agli ospiti. Incapace di resistere alle cose dolci, Leo corse da ogni ospite a turno, miagolando affettuosamente per vedere se riusciva a fargli condividere i waffle.

Ma ogni ospite seguiva la regola di non dare da mangiare al gatto. Con un sospiro, annusò un’ultima volta il delizioso profumo e si ritirò sul divano.

A quel punto gli venne un’idea. Avrebbe aspettato il giorno successivo, quando tutti sarebbero andati al lavoro e lui avrebbe avuto la cucina tutta per sé. Così avrebbe potuto fare quello che voleva! Quella notte non riuscì a dormire perché era così eccitato.

La mattina dopo, la famiglia salutò il gatto Leo. Come al solito, la mamma disse: “Fai il bravo, passa una bella giornata e ci vediamo stasera!”. 

“Miao”, rispose Leo come sempre, il che significava: “Certo che lo farò”. Non appena la porta si chiuse, Leo si mise al lavoro. 

“Per una volta avrò dei waffle tutti miei”, pensò tra sé e sé. Leo prese un grembiule come faceva sempre la sua famiglia e se lo legò intorno alla vita. 

“Ecco qua! Per prima cosa, mi serve una ciotola, ma è tutta in alto nell’armadio. Mi serve una scala!” pensò tra sé e sé. 

“Uff, che fatica!” brontolò Leo mentre raccoglieva la farina, lo zucchero, il burro, le uova, il latte e un pizzico di sale. “Meno male che ieri ho osservato così attentamente. Lo fanno sembrare così facile”.

Fortunatamente, la piastra per waffle e il mixer erano ancora sul piano di lavoro, tutti puliti e lucidi dal giorno prima. “Perfetto!” Pensò Leo mentre iniziava a mescolare la pastella.

Era piuttosto orgoglioso dei suoi risultati, finché non notò che la farina aveva spolverato l’intero piano di lavoro. Improvvisamente gli prudette il naso. Oh no! “Ahchoo” Leo aveva starnutito così forte che la pasta si era attaccata ai suoi baffi e la farina aveva ricoperto il pavimento intorno a lui.

“Miao, lo pulirò più tardi”, pensò. Prese il mixer e iniziò a sbattere l’impasto. 

“Oh mio, schizza dappertutto!”. Leo era ricoperto di pastella, ma era felice di leccarla via e continuò diligentemente.

Mentre assaggiava l’impasto con la zampa, pensava: “Miao, un po’ più di zucchero ci starebbe bene”. Leo continuò ad assaggiare e ad aggiustare finché l’impasto non fu bello e dolce.

Ora era il momento di accendere la piastra per waffle e cuocere i waffle. Versò la pastella con il mestolo, ma non era più sicuro di quanta usarne! La pastella si rovesciò sul piano di lavoro. 

“Non importa”, pensò Leo, “ho appena finito il mio primo waffle!”. Era un po’ bruciacchiato, ma Leo lo mangiò con gusto. E così andò fino a quando, diversi waffle dopo, il gatto si afferrò la pancia e si piegò per il dolore. 

“Miao, tutti quei waffle mi fanno male al pancino”, piagnucolò. “Ho bisogno di riposare un po’ prima di pulire”. Si arrampicò sul suo albero per gatti con le ultime forze e si sdraiò. Ma non riusciva a rilassarsi. 

Guardò l’orologio della cucina e pensò: “Miao, sono quasi le cinque!”. La famiglia sarebbe tornata presto e lui doveva ancora pulire.

Con un terribile mal di stomaco, si alzò e sciacquò tutti i piatti nel lavandino e li mise via. Pulì furiosamente il pavimento e lo spazzò con la coda. Ma anche dopo tutto questo, tutto era ancora così appiccicoso.

Appena finito di pulire, sentì la chiave nella serratura e guardò la porta d’ingresso aprirsi. La sua famiglia lo chiamò come al solito e sentì sua madre dire con sorpresa: “C’è proprio odore di waffle qui dentro…”.

Andò a dare da mangiare a Leo, che di solito non ne aveva mai abbastanza. Ma oggi non mangiava nulla. Era esausto e la sua pancia era appiccicosa per tutto lo zucchero.

Ha grattato Leo dietro le orecchie e ha detto: “Sei tutto appiccicoso. Che cosa hai fatto oggi? Non ti senti bene, Leo? Penso che dovresti andare a dormire presto e riposare un po'”.

“Miao, miao, miao”, acconsentì rapidamente il gatto Leo, prima di saltare nella sua cesta per impedirle di fargli altre domande. 

“C’è mancato poco! Non farò mai più una cosa del genere!”, pensò mentre si addormentava.

Altre storie per bambini:

Pagine popolari:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *